Pubblicazione decreto riconferme misure ACA 2020

Il Dipartimento Agricoltura e Risorse Agroalimentari, nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 ed in coerenza con le previsioni contenute nel Programma stesso e nelle singole Schede di Misura, rende note le modalità e le procedure per la presentazione delle domande di pagamento, annualità 2020, a valere sulle risorse previste dalle misure intese a promuovere l'utilizzo sostenibile dei terreni agricoli. Nello specifico, si stabilisce di aprire i termini per la presentazione delle domande di pagamento (Misure 10, 11 e 14 - domande di conferma impegno in corso) come di seguito indicato:  Misura 10-Interventi da 1 a 9 Conferma Impegno 2016 (Interventi da 1 a 8) 2018 (Intervento 9) Misura 11-Interventi 1 e 2 Conferma Impegno 2016 -  Misura 14-Intervento 1 Conferma Impegno 2016

Secondo quanto definito nelle Istruzioni Operative ARCEA n. 6 del 24.03.2020 aventi ad oggetto “Sviluppo Rurale. Istruzioni applicative generali per la presentazione ed il pagamento delle domande ai sensi del Reg. (UE) n. 1305/2013 del Consiglio del 17/12/2013, la scadenza della presentazione delle domande è prevista al 15 giugno 2020.
Le domande possono essere presentate con un ritardo di 25 giorni di calendario successivi rispetto ai suddetti termini previsti (art. 78 lettera b Reg. UE 1306/2013 e art. 13 Reg. UE 809/2014 art. 13 paragrafo 1 del Reg. (UE) n. 640/2014). In tal caso, l’importo al quale il beneficiario avrebbe avuto diritto se avesse inoltrato la domanda in tempo utile viene decurtato dell’1% per ogni giorno lavorativo di ritardo. Ai fini della tempestiva presentazione, farà fede la data di rilascio informatico della domanda sul sistema Sian. Le domande pervenute oltre il 10 luglio 2020 sono irricevibili.
 

Compilazione Domanda di Adesione Campagna SQNPI 2020

Per tutte le domande SQNPI, finalizzate alla certificazione e/o conformità ACA, è stata messa in linea  l'introduzione dell'anno campagna per il 2020. Tale informazione è particolarmente importante per le domande di associazioni finalizzate ad ottenere la conformità ACA in relazione alla corrispondente domanda  PSR di produzione integrata.

Per tutte le informazioni di dettaglio si rimanda al seguente link: https://www.reterurale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/17685

Pubblicato decreto graduatoria bando Misura 7 intervento 7.3.2 "Interventi per la crescita digitale nelle aree rurali" Annualita' 2018. Rettifica importi Allegato A del dds n. 9724 del 06/08/2019 e utilizzo economie

E' disponibile il decreto n 5027 del 05/05/2020 avente per Oggetto : >PSR CALABRIA 2014-2020 REG. (UE) N. 1305/2013 Misura 7 intervento 7.3.2 "Interventi per la crescita digitale nelle aree rurali" Annualita' 2018.Rettifica importi Allegato A del dds n. 9724 del 06/08/2019 e utilizzo economie.

Vai a Graduatorie definitive

PSR E DOMANDA UNICA: ALTRI 6 MILIONI PER GLI AGRICOLTORI CALABRESI

Velocizzate le procedure di liquidazione per sostenere il comparto. L'Assessore Gallo: "Utile risposta alla crisi da Covid 19"
 
Psr e Domanda Unica: altri 6 milioni per gli agricoltori calabresi
Altri 6 milioni di euro del Psr e della Domanda Unica sono stati liquidati in favore di circa 5.600 agricoltori calabresi. La notizia arriva dalla Regione Calabria che, attraverso il Dipartimento Agricoltura e l’organismo pagatore Arcea, lavora incessantemente per garantire liquidità agli operatori del comparto in un momento di forte sofferenza economica, a causa della crisi scatenata dalla pandemia di Covid 19.
In particolare, nelle ultime ore si è proceduto alla liquidazione del decreto 93 del Programma di Sviluppo Rurale, che riguarda le misure a superficie e del benessere degli animali. L’importo complessivamente erogato in favore di 1.041 imprenditori agricoli ammonta a 3.158.481,40 euro. Nel dettaglio, sono stati corrisposti 1.620.272 euro relativi a 641 domande di aiuto della misura 11 “Agricoltura biologica”; 1.397.905 euro a 380 beneficiari della misura 10 “Pagamenti agro-climatico-ambientali”; 121.619 euro a sedici beneficiari della misura 14 “Benessere degli animali” e 121.619 euro a 16 beneficiari della misura 14 “Benessere degli animali” e 18.684 euro a quattro beneficiari della misura 13 “Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici”.
Su altro versante, inoltre, qualche giorno fa è stato posto in liquidazione il decimo decreto della Domanda Unica 2019, per un valore di 2,8 milioni di euro destinati a 4.579 agricoltori: si è così dato avvio al pagamento degli aiuti accoppiati, con l’erogazione del sostegno alle leguminose ed al grano duro.
“I pagamenti delle misure a superficie e della Domanda Unica – commenta l’assessore regionale all’agricoltura Gianluca Gallo – rappresentano lo strumento più veloce ed efficace della politica agricola comunitaria per assicurare liquidità al settore agroalimentare. Essi costituiscono un premio per la superficie coltivata, per le produzioni e per le migliori pratiche agricole delle nostre aziende ed in questo momento diventano, per come evidente, un indispensabile aiuto per gli operatori del settore agricolo, che stanno risentendo in maniera drammatica delle conseguenze della pandemia e del blocco dei mercati. Velocizzando le procedure, da Marzo ad oggi siamo riusciti a liquidare risorse per 37 milioni di euro del Psr, mentre Arcea dall’inizio dell’anno ha erogato più di 116 milioni. Proseguiremo su questa strada, per garantire un sostegno concreto all’agricoltura calabrese”.

Covid-19: l'Assessore Gallo incontra i Gal calabresi

"L'obiettivo è coniugare agricoltura e turismo per arginare la crisi"
 
Coniugare agricoltura e turismo per arginare gli effetti della crisi scatenata dalla pandemia di Covid 19. Questa la ricetta messa a punto tra la Regione ed i Gruppi di azione locale nel corso della riunione svoltasi tra l’assessore regionale all’agricoltura, Gianluca Gallo, affiancato dal dirigente generale del Dipartimento Agricoltura, Giacomo Giovinazzo, oltre che alcuni dirigenti di settore, ed i referenti dei Gal calabresi, attuatori della strategia Leader nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale della Calabria 2014/2020.
“Siamo qui – ha esordito Gallo - per conoscerci e fare il punto sullo stato di avanzamento dei vostri programmi, in questa congiuntura difficile, determinata dall’emergenza sanitaria:sono necessari un confronto serrato tra la Regione e tutti gli attori del settore agroalimentare e la massima compartecipazione al fine di dare risposte urgenti all’intero comparto”. Nel corso della discussione, l’assessore ha poisottolineato l’importanza del ruolo rivestito dai Gal, “un volano economico per attività di nicchia e per le innumerevoli peculiarità regionali”.
Ha quindi aggiunto: “La delega alla promozione del settore agricolo è in capo al Presidente Santelli, che crede molto nelle potenzialità dell’agroalimentare nell’ottica di un legame indissolubile con l’accoglienza ed il turismo. Intendiamo promuovere efficacemente l’immagine della Calabria, favorendo i tanti prodotti tipici e straordinari che abbiamo, insieme ai nostri territori, alle loro tradizioni e tipicità. Punteremo dunque sull’agroalimentare, promuovendo il turismo enogastronomico, esperienziale ed ambientale. Ed in questo i Gal devono giocare un ruolo fondamentale”. Secondo l’Assessore, dunque, i Gruppi di azione locale, anche in prospettiva della nuova programmazione dei fondi comunitari, non dovranno solamente sostenere le aziende e le piccole imprese che non possono contare su altre tipologie di bandi, ma anche qualificare i vari territori promuovendo “il bello che abbiamo”.
Inoltre, considerate le difficoltà del momento, l’Assessore ha proposto ai Gal di intraprendere un percorso di condivisione al fine di perseguire l’obiettivo comune rappresentato dal servizio all’agricoltura ed agli agricoltori calabresi. “Si potrebbe ragionare insieme - ha sottolineato Gallo - su come poter ripensare le strategie dei Gal alla luce degli effetti della pandemia e rimodulare per quanto possibile le risorse non ancora vincolate, in modo da reperire immediata liquidità da immettere nel sistema agricolo. Questo è il momento di mettere in campo azioni comuni e rapide, anche per evitare che il Governo possa decidere di rastrellare risorse non ancora spese dalle Regioni per affrontare la crisi dell’agricoltura italiana”.
Nei prossimi giorni nuovi incontri per ragionare insieme sulle soluzioni da mettere in campo a tutela dell’agricoltura e del mondo rurale calabrese.

Dalla Regione altri 6 milioni per gli imprenditori agricoli

In pagamento il Psr per 472 beneficiari di misure a superficie e investimento
L’assessore Gallo: «In meno di due mesi immessi nel circuito più di 31 milioni di euro»
La Regione interviene nuovamente a sostegno dell’agricoltura calabrese provata dall’emergenza Coronavirus, erogando attraverso l’organismo pagatore Arceacirca 6 milioni di euro in favore dei beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020.
In pagamento, attraverso l’elaborazione del kit decreto n.92, misure sia a superficie sia strutturali.«Garantiamo un minimo di liquidità alle imprese in un momento di difficoltà, accelerando il più possibile i pagamenti», sottolinea l’assessore regionale all’agricoltura, Gianluca Gallo. «Grazie a questa tranche di erogazioni – precisaGallo – 472 beneficiari del Psr riceveranno immediatamente risorse per portare avanti le proprie attività. Questa somma va ad aggiungersi ai 25 milioni di euro già liquidati a partire da Marzo, in concomitanza con l’inizio dell’emergenza».In particolare, della somma erogata, circa 2 milioni sono destinati a progetti di investimento per sviluppo ed ammodernamento di aziende agricole e forestali (misura 4 “Investimenti in immobilizzazioni materiali”; misura 6 “Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese”; misura 8 “Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e nel miglioramento della redditività delle foreste”). Le altre risorse, per un importo di circa 4 milioni, serviranno invece a liquidare domande di aiuto relative alle misure a superficie (misura 10 “Pagamenti agro-climatico- ambientali”; misura 11 “Agricoltura biologica”;misura 13 “Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici”; misura 14 “Benessere degli animali”, oltre alla misura 1 “Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione”).
Dall’inizio dell’emergenza ad oggi, complessivamente, la Regione Calabria ha erogato circa 31 milioni di euro in favore di 5.570 agricoltori calabresi. Di questi, oltre 3 milioni sono relativi al pagamento della domanda unica per 3.088 beneficiari (decreto n.9 del 23 Marzo) ed il resto riguarda pagamenti del Psr, attraverso i kit n.89 dell’11 Marzo (circa 11 milioni a 928 beneficiari), il n.90 del 23Marzo (quattro milioni e mezzo a 596 beneficiari) ed il n.91del 9 Aprile(quasi sei milioni e mezzo a 486 beneficiari). «In questo momento – commenta l’assessore Gallo - è fondamentale far arrivare risorse fresche nelle tasche degli agricoltori calabresie per far questo, d’intesa con il Presidente Santelli, abbiamo puntato ad ottimizzare l’attività di Arcea, al fine di snellire le procedure burocratiche e garantire agli imprenditori il supporto necessario per combattere la crisi determinata dall’emergenza sanitaria. Per far sì che i fondi comunitari vengano spesi nel modo corretto, non abbasseremo comunque la guardia sul fronte dei controlli e renderemo più celeri i tempi di liquidazione, abbattendo intoppi e lungaggini amministrative».
 

Pubblicata Circolare per i beneficiari della Misura 1 Interventi 1.1.1 e .1.2.1 - Misure volte a contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19

Pubblicata la circolare n. 141759 del 22/04/2020

Leggi qui

Apicoltura: in arrivo fondi per i produttori calabresi - Pubblicate le graduatorie

Pubblicate le graduatorie: liquidati 430.000 euro per i 90 interventi ammessi. L'assessore Gallo: "Sosteniamo un importante presidio di biodiversità"

“Tutelare l’apicoltura vuol dire proteggere la biodiversità e gli ecosistemi, opera essenziale ancor più in tempi di emergenza sanitaria”. Questo il commento che l’assessore regionale all’agricoltura Gianluca Gallo riserva alla pubblicazione della graduatoria definitiva del bando di sostegno al settore, destinato a garantire il potenziamento della produzione e commercializzazione dei prodotti dell’apicoltura attraverso la riduzione dei costi, la lotta alle fitopatie degli alveari e l’incremento del livello della qualità professionale.Al termine dell’istruttoria delle domande pervenute, sono risultati ammissibili a finanziamento circa 90 interventi, per un importo complessivo di 430.000 euro che consentiranno ora di portare a compimento diverse e specifiche azioni, tra le quali quelle legate al nomadismo delle api (consentito anche in questa fase di emergenza da Covid-19), alla formazione ed informazione degli addetti al settore, all’assistenza tecnica alle aziende degli apicoltori, all’acquisto di nuove api regine, nonché alla ricerca scientifica ed al marketing.“Con lo stanziamento di queste risorse – aggiunge Gallo – la Regione vuole sostenere l’apicoltura calabrese, che coi suoi 90.000 alveari costituisce una nicchia di qualità del sistema agroalimentare regionale, nonché una preziosa tradizione da salvaguardare. Quelle degli apicoltori sono pratiche che, in linea con i cicli della natura, non conoscono soste e che, ancor di più in un periodo segnato dall’epidemia in atto, necessitano di attenzione. L’apicoltura ha un’enorme rilevanza dal punto di vista naturalistico, oltre che economico, in quanto è grazie alle api che possiamo portare sulle nostre tavole una grande varietà di frutta e verdura. Per questo riteniamo fondamentale aiutare gli imprenditori calabresi del settore a rendere maggiormente competitive le proprie aziende: così facendo, si conservano posti di lavoro e, soprattutto, si da una mano all’ambiente ed alla qualità della vita”.

OCM Vino - Misura Investimenti - Approvazione graduatoria definitiva delle domande di aiuto ammissibili e finanziabili e non ammissibili - Annualità 2019/2020

Con DDS n. 4477 del 20.04.2020 del Dipartimento Agricoltura e Risorse Agroalimentari - Settore 7, è stata approvata la Graduatoria Regionale Definitiva delle Domande di Aiuto Ammissibili e Finanziabili e non Ammissibili, a valere sulla Misura Investimenti OCM Vino, per la campagna 2019/2020.

Sono stati sbloccati finanziamenti per più d’un milione d’euro, in favore dei vitivinicoltori calabresi. Come da impegni assunti nei giorni scorsi nel confronto con i produttori del settore, la Regione Calabria immette liquidità nel circuito produttivo segnato dalle conseguenze dell’emergenza sanitaria, accelerando l’iter delle procedure di liquidazione.

Dal lavoro di istruttoria effettuato dal Dipartimento Agricoltura sono risultate essere ammissibili 37 domande, per un importo totale di 1.154.143,93 euro.
“L’epidemia di Covd 19 – dice l’assessore regionale alle politiche agricole, Gianluca Gallo – sta avendo gravi ripercussioni su molte delle aziende vitivinicole che qualche mese addietro avevano presentato progetti di investimento ed ora si trovano in difficoltà, non solo per problemi di natura logistica ma anche per l’approvvigionamento di merci e manodopera. La graduatoria definitiva del bando dell’Ocm vitivinicolo intende dare una boccata di ossigeno agli imprenditori, che oltretutto avranno più tempo per portare a termine il proprio investimento”.


Le aziende in graduatoria, infatti, potranno usufruire dell’opportunità offerta dal decreto ministeriale dello scorso 31 marzo, per variare i tempi di realizzazione del progetto, trasformando lo stesso da annuale in biennale. Tra l’altro le aziende avranno anche la possibilità di chiedere l’anticipazione, previo rilascio di una garanzia fideiussoria, secondo le istruzioni operative trasmesse da Agea. Prosegue nel frattempo il confronto tra le Regioni ed il Mistero delle Politiche Agricole alimentari e forestali. In videoconferenza, nei giorni scorsi, si è discusso nuovamente dell’ipotesi di effettuare la “vendemmia verde” e dare il via libera alla “distillazione di crisi”. L’impegno è quello di trovare tutti insieme le soluzioni più adeguate in tempi brevi.S

  2016 PSR Calabria 2014/2020 - Cittadella Regionale - Catanzaro