Strumenti finanziari

La Regione Calabria ha sottoscritto l’Accordo di Finanziamento (Funding Agreement) con il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) insieme alle altre Autorità di Gestione dei PSR delle Regioni Campania, Emilia Romagna, Piemonte, Puglia, Veneto, Umbria, Campania e Toscana.

Con tale accordo l’AdG del PSR della Regione Calabria ha affidato al FEI i compiti di esecuzione - ai sensi dell’articolo 38(4)(b)(i) del Reg. (UE) n. 1303/2013 - per l’attuazione del Fondo di FondiRegionale (FdF) (come definito all’articolo 2(27) del medesimo regolamento).

Che cos’è

Vai al link  Piattaforma Multiregionale di Garanzia FEI per l’Agricoltura

Obiettivo

Obiettivo del Fondo di Fondi Regionale è di facilitare l’accesso ai finanziamenti nel settore agricolo e della trasformazione, attraverso l’implementazione di una garanzia illimitata di portafoglio a sostegno delle misure d’investimento previste dalle sotto-misure 4.1 “sostegno a investimenti nelle aziende agricole” e 4.2 “sostegno a investimenti a favore della trasformazione/commercializzazione e/o dello sviluppo dei prodotti agricoli”.

 

I beneficiari finali sono:

  • Imprenditori Agricoli Professionali (IAP) non finanziati dal PSR Calabria 2014 – 2020 nell’ambito della Misura 4.1
  • Micro, piccole, medie imprese e small mid-caps in base alla Raccomandazione CE 361/2003 che operino nel settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti di cui all’Allegato I del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea, esclusi i prodotti della pesca, non finanziati dal PSR Calabria 2014 – 2020 nell’ambito delle Misure 4.1 e 4.2
  • Imprese agricole professionali, qualora la materia agricola da trasformare e commercializzare sia di provenienza extra – aziendale, non finanziati dal PSR Calabria 2014 – 2020 nell’ambito delle Misure 4.1 e 4.2

Il prodotto finanziario

Il prodotto finanziario che sarà utilizzato nell’ambito del “FdF Regionale”, è una garanzia senza limiti di portafoglio (c.d. un-capped guarantee, ossia il prestito supportato può essere pari al 100% del valore dell’investimento) che copre il 50% del rischio di perdite sui prodotti di finanziamento del debito che saranno erogati ai percettori finali da parte degli intermediari finanziari selezionati dal FEI

La modalità di attuazione

La strategia di investimento concordata all’interno dell’Accordo di Finanziamento (Funding Agreement) prevede la selezione, da parte del FEI, degli intermediari finanziari. Saranno gli intermediari stessi che erogheranno, di fatto, il finanziamento del debito ai percettori finali nel territorio della Regione e che - previa verifica dei criteri di eleggibilità previsti negli accordi operativi da sottoscriversi tra FEI e intermediari finanziari selezionati – includeranno tale finanziamento del debito nel portafoglio garantito dal Fondo di Fondi.

Nella Regione Calabria sono operativi tre istituti di Credito che hanno già sottoscritto con il FEI l’accordo di finanziamento e sono: Credem, Iccrea BancaImpresa e Monte dei Paschi di Siena.

Il contributo regionale impegnato, pari ad euro 10.000.000, garantirà un volume minimo di prestiti che gli Istituti di Credito erogheranno, anche grazie all’impiego di risorse FEI, BEI e Cassa Depositi e Prestiti, sarà di 4 volte tale contributo, ossia euro trentasei milioni. Raggiunto questo volume, il portafoglio garantito potrà crescere fino al volume target di euro 48.400.000,00.

Vantaggio – Trasferimento del beneficio della garanzia ai beneficiari

Il vantaggio per ciascun percettore finale dalla garanzia consisterà nel vedersi applicate condizioni agevolate in termini di tassi d’interesse più bassi di quelli ordinari e/o in termini di minori garanzie collaterali prestate. È inoltre possibile una riduzione del tasso di interesse applicato rispetto a quelli ordinariamente praticati dagli istituti di credito poiché, godendo il prestito della garanzia Agri Italia, la componente di rischio e la componente del costo del capitale, che sono delle componenti che contribuiscono alla determinazione del tasso di interesse, sono più basse.

Gli intermediari finanziari dovranno assicurare che la garanzia viene fornita allo scopo ultimo di migliorare l’accesso al credito dei destinatari finali e dovrà fornire il finanziamento del debito eleggibile a prezzi migliori e/o con requisiti di garanzia migliori rispetto a simili strumenti di finanziamento non coperti dalla garanzia.

In nessun caso il tasso di interesse globale e/o le garanzie collaterali di una operazione eleggibile potranno essere più alte del tasso di interessa globale e/o delle garanzie collaterali di un’operazione simile in cui la garanzia è assente

Tipologia di intervento 4.1.5

Il finanziamento del debito fornito nell’ambito della tipologia di intervento 4.1.5 (scheda di misura 4.1.5) sostiene gli investimenti nelle aziende agricole che consentano di migliorarne le prestazioni e la sostenibilità globale, le infrastrutture necessarie allo sviluppo e all’ammodernamento, l’accesso ai terreni agricoli, la ricomposizione e il miglioramento fondiario l’approvvigionamento e il risparmio di energia.

Gli investimenti ammissibili sono:

1.    Acquisto di macchinari ed attrezzature

2.   Costruzione/acquisizione, ristrutturazione/ miglioramento di fabbricati per la produzione e per la lavorazione, trasformazione, immagazzinamento e commercializzazione dei prodotti agricoli e dell’allevamento provenienti dall’attività aziendale

3.    Ristrutturazione di fabbricati per la produzione e per la lavorazione, trasformazione, immagazzinamento e commercializzazione dei prodotti agricoli e dell’allevamento con utilizzo di materiali da costruzione che migliorino l’efficienza energetica

4.    Interventi di miglioramento fondiario (es.: sistemazioni fondiarie e idraulico-agrarie; impianti colture arboree da frutto)

5.   Realizzazione e razionalizzazione di strutture ed impianti per lo stoccaggio e il trattamento dei reflui provenienti dall’attività aziendale comprese le strutture realizzate con tecnologie volte alla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra

6.    Impianti per il trattamento delle acque di scarico aziendali

7.    Acquisizione di hardware e software finalizzati all’adozione di tecnologie di informazione e comunicazione (TIC)

8.    Introduzione di attrezzature finalizzate alla riduzione dell’impatto ambientale dell’agricoltura mediante la conservazione del suolo (agricoltura conservativa, agricoltura di precisione)

9.    Adozione di sistemi di difesa attiva volti a proteggere le coltivazioni dagli effetti negativi degli eventi meteorici estremi e dai danni derivanti dagli animali selvatici e a proteggere gli allevamenti dall’azione dei predatori.

Tipologia di intervento 4.2.2

Il finanziamento del debito fornito nell’ambito della tipologia di intervento 4.2.1 (scheda di misura 4.2.2) sostiene gli investimenti relativi alla trasformazione, commercializzazione dei prodotti agricoli di cui all’Allegato I al Trattato di Funzionamento dell’Unione Europea, esclusi i prodotti della pesca. Il prodotto finale ottenuto può non ricadere nell’elenco del citato Allegato I.

Gli investimenti ammissibili sono:

  • Acquisto di nuovi macchinari e/o attrezzature;
  • Costruzione/acquisizione, ristrutturazione/miglioramento di fabbricati per la lavorazione, trasformazione, immagazzinamento e commercializzazione dei prodotti agricoli;
  • Acquisizione di hardware e software finalizzati all’adozione di tecnologie di informazione e comunicazione (TIC).

 

Informazioni valide per entrambe le tipologie di intervento:

  • l’ammontare massimo di finanziamento è pari ad euro 500.000,00;
  • Sono ammesse le spese considerate ammissibili ai sensi dell’articolo 45 del Regolamento (UE) n. 1305/2013. Si considerano ammissibili anche i costi dell’IVA correlati ai suddetti costi ammissibili;
  • la spesa deve essere sostenuta dopo la data della richiesta da parte del beneficiario della relativa operazione di finanziamento del debito;
  • gli investimenti non devono essere materialmente completati o realizzati completamente alla data di approvazione del finanziamento;
  • il capitale circolante, nei limiti di quanto previsto nel Regolamento (UE) n. 1305/2013(così come volta per volta modificato e integrato) è considerato spesa ammissibile. In particolare, la soglia per il capitale circolante di cui all'articolo 45, paragrafo 5, del Regolamento (UE) n. 1305/2013 è stata recentemente modificata dal regolamento 2017/2393 come segue: "Quando il sostegno è fornito attraverso uno strumento finanziario istituito a norma dell'articolo 37 del Regolamento (UE) n. 1303/2013, il capitale circolante può essere considerato spesa ammissibile. Tali spese ammissibili non superano 200.000 EUR o il 30 % dell'importo totale delle spese ammissibili per l'investimento, se quest'ultimo valore è superiore.
  • Non sono ammissibili gli investimenti inerenti la gestione della risorsa idrica per scopi irrigui.

 

Modalità presentazione delle domande e selezione dei beneficiari finali

Per presentare domanda sarà necessario rivolgersi a uno dei seguenti istituti di credito che hanno sottoscritto l’accordo con il FEI i quali sono incaricati della verifica della sussistenza dei criteri di eleggibilità e ammissibilità dei beneficiari, delle operazioni e delle spese, attraverso procedure a sportello e congiuntamente ad una valutazione della bancabilità e qualità dei progetti presentati. I prestiti garantiti dalla garanzia FEI potranno essere erogati entro il 31 dicembre 2023.

·         Credem

·         Iccrea BancaImpresa

·         Monte dei Paschi di Siena

È possibile rivolgersi ai seguenti contatti:

Credem

Iccrea BancaImpresa

 

 

 

 

 



  2016 PSR Calabria 2014/2020 - Cittadella Regionale - Catanzaro