Pubblicazione della Graduatoria provvisoria - Misura 16 - Intervento 16.3.1 - Annualità 2018

E' disponibile, nell'apposita sezione del sito,  la graduatoria provvisoria del Bando MISURA 16, INTERVENTO 16.03.01 “COOPERAZIONE TRA PICCOLI OPERATORI PER ORGANIZZARE PROCESSI DI LAVORO IN COMUNE E CONDIVIDERE IMPIANTI E RISORSE, NONCHÉ PER LO SVILUPPO/LA COMMERCIALIZZAZIONE DI SERVIZI TURISTICI INERENTI AL TURISMO RURALE”  -   ANNUALITÀ 2018

Vai a Graduatorie-PSR-provvisorie

 

Pubblicazione del Bando Misura 6 - Intervento 06.04.02- "Diversificazione delle attività agricole attraverso la produzione di energia da fonti rinnovabili". Annualità 2019

E' disponibile, nell'apposita sezione del sito  Bandi aperti , la documentazione per la presentazione delle Domande di adesione alla Misura 6 - Intervento 06.04.02- "Diversificazione delle attività agricole attraverso la produzione di energia da fonti rinnovabili". Annualità 2019  

“Si tratta di un bando molto importante - ha specificato il consigliere regionale delegato all'Agricoltura Mauro D'Acri - relativo al comparto agro-energetico e della green economy di tutto il territorio regionale. È finalizzato a sostenere gli investimenti per la realizzazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili destinata alla vendita, attraverso lo sviluppo della multifunzionalità delle aziende agricole e l'ampliamento quindi della gamma di servizi o prodotti offerta”.

“Attraverso le risorse stanziate per questo nuovo bando - ha dichiarato il dirigente generale del Dipartimento Agricoltura ed Autorità di Gestione del PSR Giacomo Giovinazzo - il Programma di Sviluppo Rurale  della Calabria si pone l'obiettivo di ridurre l'impatto ambientale e al contempo di migliorare l'efficienza energetica delle piccole e medie imprese, attraverso la diversificazione delle attività, fattore che stimola tra l'altro la creazione di nuovi posti di lavoro e l'accrescimento  della competitività e della redditività delle aziende”.

Pubblicazione decreti di RETTIFICA delle graduatorie definitive dei bandi della Misura 8 - Intervento 8.4.1 e - Intervento 8.6.1 - Annualità 2017

Sono disponibili, nell'apposita sezione del sito, i decreti di rettifica delle graduatorie definitive relativa ai bandi della Misura 8:

- Intervento 8.4.1 “Ripristino delle foreste danneggiate da incendi, calamità naturali ed eventi catastrofici" - Annualità 2017 e

- Intervento 8.6.1 “Investimenti in tecnologie forestali, trasformazione, mobilitazione e commercializzazione prodotti forestali” - Annualità 2017

Vai a Graduatorie definitive

 

Programma apistico 2018-2019 - Approvazione graduatorie definitive

E' disponibile nell'apposita sezione del sito, la graduatoria definitiva del PROGRAMMA APISTICO 2018-2019.

Vai a Graduatorie definitive

Il Dipartimento ricorda che la somma destinata alla Calabria dal Ministero per le Politiche Agricole relativamente all'annualità 2018/2019 del Programma Apistico consiste in 330.877,98 Euro. Dall'istruttoria sono risultati 116 i beneficiari ammissibili, dei quali 72 finanziabili e 44 non finanziabili, con possibilità di scorrimento attraverso le economie.
"Il Programma Apistico - ha affermato il Consigliere regionale delegato all'Agricoltura Mauro D'Acri -  è teso al miglioramento della produzione e della commercializzazione dei prodotti dell'apicoltura, comparto importantissimo per la Calabria, sia dal punto di vista economico che da quello delle nostre tradizioni. Con le risorse previste faremo in modo di fornire assistenza tecnica alle aziende calabresi per migliorare la loro competitività sui mercati".
"Tutti gli interventi previsti dal bando - ha specificato il Dirigente Generale del Dipartimento Agricoltura - Giacomo Giovinazzo -  sono articolati in sotto misure con diversi beneficiari, che sono volte ad agevolare una riduzione dei costi e l’ottimizzazione della lotta agli aggressori e alle malattie degli alveari, oltre che ad incrementare il livello professionale degli addetti al settore. L'obiettivo della Regione, attraverso questo bando, è quello di sostenere un comparto che, oltre a dare vita a produzioni di grande qualità, aiuta e preservare la ricca biodiversità dei territori calabresi".
La maggior parte delle sottoazioni si rivolge ad associazioni, enti di ricerca e forme associate di apicoltori, come quelle della Misura B, che prevedono corsi di formazione e aggiornamento, incontri periodici con apicoltori, dimostrazioni pratiche e interventi in apiario, indagini sul campo finalizzate all'applicazione di strategie di lotta caratterizzate dal basso impatto chimico sugli alveari, sussidi didattici, acquisto dei farmaci veterinari idonei e sterilizzazione delle arnie e delle attrezzature apistiche.
La sottoazione A.6, invece, è rivolta in maniera specifica agli apicoltori singoli o associati, e si riferisce all'acquisto delle attrezzature per il miglioramento della conduzione e l'allevamento delle api, per la lavorazione, e ad interventi innovativi per il confezionamento e la conservazione del miele e degli altri prodotti dell’apicoltura.
Anche la Misura C è rivolta ad apicoltori singoli o associati e prevede un'unica sottoazione, relativa all’acquisto di attrezzature, macchine e materiale che possano agevolare l’esercizio del nomadismo, in particolare macchine, attrezzature e  materiali vari specifici per questa pratica. La Misura E, invece, è finalizzata al sostegno per il ripopolamento del patrimonio apistico comunitario, ed in particolare, la sottoazione E.1 è destinata all’acquisto di api regine, con specifiche certificazioni di idoneità sanitaria e di appartenenza alla tipologia Apis mellifera ligustica.

 

VINITALY 2019 - AVVISO SORTEGGIO PUBBLICO - MANIFESTAZIONI DI INTERESSE

Per il sorteggio pubblico consultare il portale della Regione Calabria al link:

http://www.regione.calabria.it/website/portaltemplates/view/view.cfm?12866

 

Il Dipartimento Agricoltura e Risorse Agroalimentari - Settore 6 - indice:

- una manifestazione di interesse per la partecipazione alla procedura negoziata per l'affidamento del servizio di realizzazione dell'allestimento dello spazio espositivo ospitante la collettiva regionale alla manifestazione fieristica "Vinitaly 2019, Verona 07-10 aprile 2019" tramite ricorso al mercato elettronico della pubblica amministrazione.

Per informazioni: http://portale.regione.calabria.it/website/portaltemplates/view/view.cfm?12666  

- un avviso esplorativo per l'individuazione di operatori economici da invitare per la realizzazione del servizio di comunicazione ed animazione della manifestazione fieristica "Vinitaly 2019" tramite ricorso al mercato elettronico della pubblica amministrazione:

 

Per informazioni: http://portale.regione.calabria.it/website/portaltemplates/view/view_bando.cfm?2627

Pubblicazione Bando: Misura 7 Intervento 07.02.01 "Investimenti per la creazione di impianti per la produzione di energia e calore da fonti rinnovabili nelle aree rurali". Annualità 2019

E’ disponibile, nella apposita sezione del sito, la documentazione del bando della Misura 7 "Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali", Intervento 7.2.1. "Investimenti per la creazione di impianti per la produzione di energia e calore da fonti rinnovabili nelle aree rurali". "Il Programma di Sviluppo Rurale, attraverso la Misura 7 – ha affermato il Consigliere regionale delegato all'Agricoltura Mauro D'Acri - mantiene tra le sue priorità la tutela e la valorizzazione delle aree rurali, montane e svantaggiate. Grazie alle risorse del PSR intendiamo migliorare la qualità della vita in queste zone della regione, mediante il sostegno all’ampliamento ed all'ammodernamento dei servizi di base, finalizzati principalmente a ridurre il grado di isolamento delle popolazioni che risiedono in queste aree".

"In particolare, l'intervento 7.2.1 - ha dichiarato il Dirigente Generale del Dipartimento Agricoltura Giacomo Giovinazzo - punta a sostenere gli enti pubblici nel processo di sviluppo dell’approvvigionamento di energia prodotta da fonti rinnovabili, sostituendo il consumo di energia prodotta da fonti fossili, facendo leva sulle biomasse forestali ed agricole. Attraverso il PSR, in sostanza, tuteliamo l'ambiente, promuovendo l’autoconsumo di energia da fonti rinnovabili ed al contempo la sostenibilità economica, puntando ad una gestione più efficiente dei costi. Questo intervento, inoltre - ha aggiunto il DG – favorisce anche la diversificazione delle attività, lo sviluppo di piccole imprese e quindi l'incremento occupazionale".

L'intervento 7.2.1 sostiene in particolare la creazione di una rete di piccoli impianti di produzione e di distribuzione di energia e calore, per utilizzo negli edifici pubblici, prodotta da fonti rinnovabili che utilizzano biomassa legnosa. Contribuisce inoltre agli obiettivi del PSR tesi a favorire l'approvvigionamento e l'utilizzo di fonti di energia rinnovabili, sottoprodotti, materiali di scarto e residui e altre materie grezze non alimentari, ai fini della bioeconomia. Gli interventi dovranno essere localizzati nelle aree rurali meno sviluppate, ossia le aree classificate C e D della Regione, nelle quali, tra l’altro, si concentrano le maggiori superfici forestali regionali.

La spesa ammissibile è fissata in 300 mila euro a progetto, con un'intensità dell'aiuto pari al 100% della spesa. I beneficiari della Misura con Comuni e altri Enti Pubblici proprietari o detentori di superifici forestali in forma singola o associata. Gli interventi finanziabili, invece, sono opere necessarie alla realizzazione di impianti per la produzione di calore e/o energia e attrezzature funzionalmente connesse, da destinare a strutture di fruizione a valenza pubblica e/o collettiva a servizio dell'ambito territoriale dell'impianto (teleriscaldamento o distribuzione del calore a più fabbricati). Più in particolare, opere edili e impiantistiche strettamente necessarie e connesse all'installazione e al funzionamento dell'impianto; macchinari ed attrezzature connesse; acquisto di componenti tecniche-tecnologiche necessari alla realizzazione e al funzionamento dell'impianto; fornitura e installazione di soluzioni per lo stoccaggio dell'energia prodotta. Il tempo massimo concesso per l'esecuzione degli interventi finanziati è previsto in 12 mesi a decorrere dalla firma del proponente sul provvedimento di concessione del contributo firmato per accettazione. Le domande, specifica il Dipartimento, dovranno essere presentate attraverso il sistema Sian entro trenta giorni dalla data di pubblicazione del bando sul portale dell'Autorità di Gestione. 

Vai al bando

Pubblicata la manifestazione d’interesse per la costituzione di un elenco di candidati idonei e disponibili per l’incarico di Direttore Generale dell’Azienda Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura (ARSAC)

Con decreto n. 1739 del 14/02/2019, BURC n.26 del 20/02/2019, è stata pubblicata  la manifestazione d’interesse per la costituzione di un elenco di candidati idonei e disponibili per l’incarico di Direttore Generale dell’Azienda Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura (ARSAC).

Vai al Link Regionale:
http://portale.regione.calabria.it/website/portaltemplates/view/view.cfm?12822

Il Presidente Oliverio incontra il comparto agricolo

Il Presidente della Regione Mario Oliverio ha incontrato a San Giovanni in Fiore, insieme al Consigliere regionale delegato all'Agricoltura Mauro D'Acri ed al Dirigente Generale del Dipartimento Agricoltura e Risorse agroalimentari nonché Autorità di Gestione del PSR Calabria Giacomo Giovinazzo, i rappresentanti delle organizzazioni di categoria agricole e degli ordini professionali. L'incontro è stato l'occasione per fare il punto sullo stato di attuazione del Programma di Sviluppo Rurale, raccogliere indicazioni dai partner invitati e riflettere su un eventuale riallineamento delle risorse rispetto ai fabbisogni del mondo agricolo calabrese. Nel corso del tavolo tecnico si è parlato inoltre della programmazione della politica agricola 2021/2027 calabrese.
"Grazie al lavoro fatto in questi anni caratterizzato da proficuo confronto e da collaborazione costruttiva con il mondo agricolo - ha detto il Presidente Mario Oliverio - la nostra Regione ha realizzato importanti risultati in termini di crescita delle produzioni agro-alimentari e di export. In tale direzione decisiva è stata l’utilizzazione delle risorse comunitarie ed in particolare del Psr. Non a caso la Calabria è la prima Regione del Sud e tra le prime in Italia relativamente alla capacità di spesa del programma 2014/2020”
“È necessaria ora una messa a punto – ha aggiunto - al fine di ricalibrare gli interventi per consolidare i processi positivi in atto e meglio sostenere, grazie all'ausilio dei fondi comunitari, le aziende e le produzioni calabresi. Bisogna incontrarsi con le organizzazioni con cadenza mensile, per monitorare insieme questioni che meritano un'attenzione particolare, come le esigenze e le problematiche delle varie filiere di prodotto. Oggi la Calabria ha una posizione di vantaggio rispetto ad altre realtà per quanto riguarda la spesa del Psr e abbiamo bisogno di spingere affinché le risorse vengano efficacemente utilizzate dalle aziende e contribuire così ad alimentare il cuore dell'economia regionale che è proprio il settore agroalimentare. Insisto sulla questione dell'insediamento dei giovani in agricoltura - ha detto ancora Oliverio - che considero obiettivo strategico sia per realizzare il necessario ricambio generazionale nel settore primario sia in quanto abbiamo l'obbligo di dare risposte concrete al drammatico problema della disoccupazione giovanile investendo su un futuro diverso. Per fare questo, bisogna superare la visione assistenzialista nell'utilizzazione delle risorse, che è un fattore che alimenta ed offre giustificazione alle spinte e alla cultura antimeridionalista e secessionista e giudizi dispregiativi sul Mezzogiorno".
Per quanto riguarda la nuova programmazione, il Presidente Oliverio ha proposto una riflessione sugli strumenti che potrebbero meglio agevolare il ricambio generazionale in agricoltura. "Dobbiamo accelerare ancora – ha specificato - sulla spesa relativa alle misure e ricalibrare le risorse sulle misure a superficie. Per quanto riguarda il biologico, ad esempio, è arrivato il momento di legare gradualmente gli interventi alla certificazione del prodotto biologico e non solo all'ambiente".
Ha parlato di vero e proprio “tagliando al Psr”, l’Autorità di Gestione Giacomo Giovinazzo, sottolineando che “Dopo aver lavorato duro per il raggiungimento della premialità, a fine 2018, e per la riorganizzazione del dipartimento Agricoltura, ad inizio 2019, oggi ci si ritrova un Psr maturo, con oltrel'85% delle risorse impegnate. Il 2019 - ha affermato l’Adg - deve essere l'anno della strategia da mettere in atto per efficientare la spesa”. Giovinazzo ha spiegato poi che sta per concludersi il riesame del Pacchetto Giovani, che i Gruppi di Azione Locale stanno pubblicando i primi bandi e che si sta lavorando per rendere più efficiente anche l'aspetto dei controlli. L’Adg si è soffermato anche sulla nuova programmazione. “Stiamo lavorando per iniziare a costruire la prossima politica agricola. Abbiamo realizzato, sul sito istituzionale www.calabriapsr.it, un'apposita sezione relativa alla Pac, Politica Agricola Comune, 2021/2027, nella quale sono disponibili testi normativi e documenti di lavoro”.
Giovinazzo ha spiegato inoltre che l’Autorità di Gestione sta lanciando una doppia consultazione, una più tecnica rivolta agli stakeholder del mondo agricolo, ed una più pubblica online aperta tutti i cittadini che vogliano dare il proprio contributo ed esprimere la loro opinione. “L’agricoltura calabrese… Come la vorrei. Fai contare le tue opinioni” è lo slogan che accompagna gli utenti a partecipare al dibattito sulla Politica Agricola Comune. L’analisi dei risultati delle consultazioni serviranno per effettuare un’analisi Swot basata su una consultazione a larga scala, secondo le indicazioni dell'Agenda europea “Legiferare meglio”, che punta alla massima condivisone e trasparenza nei processi di programmazione ed attuazione.
Il Consigliere delegato D'Acri ha specificato che presenzierà a breve a Roma, al tavolo tecnico della filiera lattiero-casearia. “Allargheremo la discussione - ha affermato - anche al comparto agrumicolo e a quello olivicolo, che quest’anno hanno attraversato momenti molto difficili e necessitano di un sostegno particolare, soprattutto data l'importanza che rivestono in una regione come la Calabria”. Tanti altri gli argomenti trattati nella riunione e che saranno ripresi nel prossimo incontro, tra i quali l'accesso al credito e le possibili soluzioni, il sistema Sian, l'utilizzo dei terreni confiscati, l'emergenza cinghiali, il comparto vitivinicolo, il settore fitosanitario. 

La Programmazione Agricola della Calabria 2021/2027: a breve partirà la ‘consultazione online’

La Regione Calabria, in particolare, ed il Dipartimento Agricoltura, si stanno adoperando per promuovere la procedura di ‘consultazione online’, rivolta a stakeholder, agricoltori, aspiranti beneficiari del PSR Calabria e cittadini in genere.

Il percorso legislativo della politica agricola per il periodo 2021-2027 è aperto. Il quadro dei futuri pagamenti è  delineato nel pacchetto di proposte della Commissione europea dell’estate 2018, attualmente in discussione al Parlamento e al Consiglio europei. In Italia il dibattito sugli emendamenti da proporre ai testi è avviato da qualche mese e la Calabria vi partecipa attivamente.

Intanto, e nell'ottica della massima condivisione, la Regione sta avviando i lavori per disegnare la strategia di intervento sul territorio calabrese. "Si sta lavorando alacremente per la piena condivisione dei contributi del mondo agricolo e dei documenti relativi alla prossima programmazione - ha affermato il Dirigente Generale del Dipartimento Agricoltura e Risorse Agroalimentari Giacomo Giovinazzo -   in linea con l’Agenda ‘Legiferare meglio”, un accordo interistituzionale sottoscritto tra Commissione Europea, Parlamento e Consiglio".
 
“Il nostro obiettivo è quello di potenziare gli strumenti di consultazione e di partecipazione in linea con le direttive europee – ha aggiunto il DG -  e stiamo per mettere in atto una modalità innovativa per iniziare un percorso di condivisione e sinergia con gli attori principali del mondo rurale calabrese, finalizzato alla definizione di una strategia regionale di attuazione della programmazione comunitaria in ambito agricolo, in maniera semplificata e trasparente. La consultazione è finalizzata ad una prima analisi dei fabbisogni del territorio e ad aprire un dialogo rispetto agli obiettivi da perseguire nella prossima programmazione".
A breve verrà lanciata un'importante consultazione con due questionari, attraverso i quali la Regione Calabria invita i cittadini e le parti interessate a intervenire nel dibattito per la costruzione della politica agricola 2021/2027. Il confronto aperto con i cittadini, gli operatori e le istituzioni del sistema agricolo e rurale aiuterà a concentrarsi su ciò che deve essere effettivamente fatto e a puntare a un risultato positivo. La consultazione pubblica è aperta a tutti i cittadini interessati ad esprimere un loro parere ed è possibile parteciparvi online dal prossimo avvio dell'iniziativa fino ad aprile 2019 direttamente sul sito del PSR Calabria. Nello stesso periodo si svolgerà una consultazione tecnica aperta alle rappresentanze del partenariato generale dell'agricoltura  e dello sviluppo rurale.
“La distribuzione delle risorse comunitarie nel comparto agroalimentare nel settennio 2021/2027 – ha affermato il Consigliere regionale delegato all’Agricoltura Mauro D’Acri – riveste un’importanza strategica per il futuro dell’agricoltura calabrese. Stiamo parlando di una programmazione che deve essere efficace e mirata allo sviluppo concreto del settore agricolo. Ecco perché vogliamo iniziare già da ora a delineare le priorità di intervento del prossimo PSR. E vogliamo farlo partendo dal confronto con gli operatori del settore e con i cittadini calabresi in genere che siano interessati ad esprimere il loro parere sul futuro della politica agricola regionale”.
La tappa successiva alla consultazione online sarà l’analisi delle informazioni raccolte,  che consentirà la lettura delle prime indicazioni date dal partenariato e dai cittadini per orientare le scelte dell’agricoltura calabrese nell’ambito della PAC, Politica Agricola Comune, 2021-2027.
 

Dipartimento Agricoltura e Risorse Agroalimentari: OCM Vino Misura Investimenti - Avviso pubblico annualità 2019

La Regione Calabria Dipartimento "Agricoltura e Risorse Agroalimentari", Settore 7, ha Approvato l'Avviso Pubblico per OCM Vino relativo alla Misura Investimenti per la campagna 2019. Si porta a conoscenza delle aziende agricole interessate che sono aperti i termini per la presentazione delle domande di aiuto relative alla Misura Investimenti Annualità 2019

Per maggiori informazioni consulta il sito della Regione Calabria al link http://www.regione.calabria.it/website/portaltemplates/view/view.cfm?12297

  2016 PSR Calabria 2014/2020 - Cittadella Regionale - Catanzaro