PSR CALABRIA 2014-2020 - EMERGENZA COVID19. ATTUAZIONE MISURE AD INVESTIMENTO - FISSAZIONE DELLA DATA DEL 15 LUGLIO 2022 PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZA DI PROROGA.

E' disponibile il decreto n. 7042 del 29/06/2022 che fissa, per l'attuazione delle misure ad investimento, il termine del 15 luglio 2022 per la presentazione di istanze di proroga.

Tavolo Tecnico Partenariale del 28 giugno 2022 per la nuova programmazione 2023-2027

A seguito del tavolo tecnico partenariale tenutosi oggi 28 giugno 2022 in Cittadella Regionale, si informa il Partenariato Economico e Sociale del PSR Calabria 2014-2022 che la documentazione è scaricabile su questo sito al seguente link Tavolo Partenariato 28.06.2022 (calabriapsr.it).

In particolare il partenariato puo' scaricare il file editabile per formulare le osservazioni sull'attivazione o meno degli interventi della nuova programmazione dalla pagina dedicata.  

Il file excel compilato dovrà essere inviato al seguente indirizzo email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro mercoledi 6 luglio 2022.

 

PRIMO TAVOLO DI CONFRONTO SULLA PAC 2023-2027 TRA REGIONE E PARTENARIATO ECONOMICO E SOCIALE. L'OBIETTIVO È DI DISEGNARE L'AGRICOLTURA CALABRESE DEL FUTURO

“La sfida è dotarsi di un piano agricolo regionale, lavorando ad una programmazione seria e condivisa”.

Così si è espresso l’assessore regionale all’Agricoltura Gianluca Gallo, nel corso del confronto tecnico tra assessorato, Dipartimento Agricoltura e partenariato economico e sociale, incentrato sulla programmazione strategica della Pac 2023-2027, in riferimento allo sviluppo rurale.

L’incontro, svoltosi nella mattinata di martedì 28 Giugno nella sala verde della Cittadella regionale “Jole Santelli”, è stato programmato con la finalità di dare un naturale seguito ai tavoli partenariali nazionali, al fine di coinvolgere il mondo rurale calabrese rispetto al Piano Strategico Nazionale, che sostituirà i 23 Psr regionali della passata con notevoli cambiamenti rispetto al passato, per quanto riguarda sia il primo sia il secondo pilastro.

“Questo momento – ha sottolineato Gallo - è fondamentale per stabilire come orientare l’agricoltura calabrese del futuro. Bisogna riconoscere che il Governo sta mostrando un’attenzione particolare al settore primario e in questa fase ritengo sia importante fornirci a vicenda spunti di riflessione per poter pianificare insieme il prossimo quinquennio, sia dal punto di vista dell’agricoltura, che della forestazione, dei sistemi irrigui e di tutto ciò che riguarda il comparto cardine dell’economia regionale”.

L’assessore ha invitato quindi il partenariato a riflettere sui risultati della programmazione 2014-2020 e sulle modifiche ed integrazioni in prospettiva opportuni, favorendo anzitutto la qualità della spesa e, di conseguenza, la qualità delle produzioni, la sicurezza alimentare, la competitività e la redditività delle aziende calabresi.

"Per far questo – ha aggiunto l’esponente della Giunta regionale – al di là dei tecnicismi burocratici, dobbiamo alzare l’asticella e disegnare insieme in maniera organica i contorni dell’agricoltura calabrese”.

Il direttore generale del Dipartimento Agricoltura, Giacomo Giovinazzo, dal canto suo ha illustrato i 76 interventi di sviluppo rurale del Piano Strategico della PAC, individuati nel tavolo tecnico nazionale tra il Mipaaf e le Regioni e divisi in 4 macrogruppi.

Si tratta, nello specifico, di 37 interventi agro-climatico-ambientali basati sulla superficie o capo (inclusi l’agricoltura biologica, il benessere animale e le indennità compensative); 19 interventi di investimento per le aziende agricole ed agroalimentari, le foreste e le aree rurali, compreso l’avviamento di nuove imprese; 4 interventi di gestione del rischio (a gestione nazionale); 16 di cooperazione (compresi il Leader e la promozione) e innovazione e trasferimento delle conoscenze.

“Ci siamo posti l’obiettivo di valutare, nell’ambito della massima semplificazione, i risultati ottenuti dalle varie misure nella passata programmazione – ha specificato Giovinazzo - e di aggiustare il tiro rispetto a quegli interventi che si sono dimostrati poco appetibili, poco efficienti o particolarmente problematici”.

Il dg ha quindi invitato il partenariato a ragionare sulle indicazioni del Dipartimento e dell’Assessorato, rispetto alle misure da attivare nella prossima programmazione. Ha esortato inoltre il partenariato a concordare degli incontri di approfondimento tecnico, prima del successivo appuntamento partenariale, in programma per l’8 Luglio prossimo, considerato che le schede delle nuove misure dovranno essere caricate sul sistema Sfc della Commissione europea entro il 20 Luglio.

A tal proposito, si segnala, tutti i documenti utili e necessari sono consultabili sul portale www.calabriapsr.it, alla sezione “Verso la Pac 2023-2027”, alla voce “Tavoli partenariali”, nonché sul sito della rete Rurale Nazionale, all’indirizzo https://www.reterurale.it/PAC_2023_27/PianoStrategicoNazionale

IL PSR CALABRIA SECONDO IN ITALIA PER AVANZAMENTO DELLA SPESA FEASR. OCCHIUTO: "CALABRIA AL TOP PER LA SPESA DEI FONDI COMUNITARI IN AGRICOLTURA". GALLO: "SOSTENIAMO GLI IMPRENDITORI PER UN'AGRICOLTURA MODERNA, DI QUALITÀ"

“Un avanzamento finanziario soddisfacente, al di sopra della media nazionale”.

Con queste parole, Leonardo Nicolia, rapporteur della Commissione Europea, ha definito il Psr Calabria, in occasione della seduta plenaria del Comitato di sorveglianza - la riunione tra Bruxelles, i ministeri dell’Agricoltura e dell’Economia, la Regione ed il partenariato del Programma di sviluppo rurale - che si è svolta presso il Castello di Serragiumenta, ad Altomonte.

A fare gli onori di casa l’assessore regionale all’Agricoltura, Gianluca Gallo; il direttore generale del dipartimento Agricoltura e Autorità di gestione del Psr Calabria, Giacomo Giovinazzo, ed il sindaco di Altomonte Giampietro Coppola. Presenti, tra gli altri, Francesco Valitutti del Mipaaf, Alessandro Mazzamati del Mef; i consiglieri regionali Katya Gentile e Davide Tavernise (rispettivamente presidente e vicepresidente della Commissione consiliare Agricoltura) ed il loro collega Francesco Afflitto, Presidente della Commissione di Vigilanza; i rappresentanti delle organizzazioni di categoria agricole, degli ordini professionali e delle sigle sindacali.

Il presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto, intervenuto in videocollegamento da Ginevra, ha ringraziato la Commissione Europea per l’ottimo rapporto di collaborazione istaurato e i rappresentanti dei ministeri interessati.

“Avrei voluto essere con voi – ha affermato il Governatore – ma non ho potuto sottrarmi all’impegno di Ginevra, in quanto mi sto occupando delle problematiche relative alla logistica, anche nell’ottica di favorire il trasporto dei prodotti calabresi a costi competitivi”.

Il Presidente Occhiuto ha quindi ringraziato l’assessore Gallo ed il dg Giovinazzo per l’ottimo lavoro svolto, sottolineando l’importanza del ruolo svolto dal partenariato del Psr: “I risultati conseguiti nell’avanzamento degli obiettivi di spesa dei fondi comunitari in agricoltura – ha affermato – segnalano la Calabria come una regione d’eccellenza e sono ascrivibili soprattutto ai preziosi contributi del tavolo partenariale del Psr. La Regione, da parte sua, si adopera per facilitare la strada agli imprenditori calabresi, per metterli nella condizione di lavorare in maniera serena, nonché per costruire un sistema che qualifichi sempre di più la spesa”.

Dal canto suo, l’assessore Gallo ha ricordato che “in un anno molto difficile per l’agricoltura, da ultimo a causa delle ripercussioni della guerra, la Regione Calabria si sta adoperando per supportare le realtà imprenditoriali del proprio territorio, velocizzando i pagamenti e le immissioni di liquidità nel comparto e favorendo lo snellimento delle procedure burocratiche, in particolare rispetto all’apertura ed alla chiusura dei bandi pubblici. La nostra idea è di dare vita ad un’agricoltura moderna che si fondi su investimenti di qualità, anche immateriali come quelli relativi alla formazione, alla consulenza, all’apporto di innovazione tecnologica ed alla promozione delle produzioni regionali. Inoltre, si sta lavorando sul sostegno specifico alle diverse filiere, con avvisi pubblici mirati e non più generalisti, sulla diminuzione dei costi di produzione e l’aumento della redditiva delle aziende”.

Ha invece affermato il Dg Giovinazzo: “Per far fronte alla crisi scaturita dalla pandemia e dal conflitto russo-ucraino, abbiamo informatizzato parte dell’istruttoria, per velocizzare ulteriormente le procedure amministrative e favorire i beneficiari del Psr. Nel frattempo faremo molta attenzione alle indicazioni forniteci dalla Commissione Europea, per poter implementare il programma nella maniera più efficace possibile, per impiegare le risorse che ci sono state accordate in modo efficiente e per puntare alla crescita ed al miglioramento della qualità della vita dell’intero territorio regionale, la cui economia si poggia proprio sull’agricoltura, che deve essere di sviluppo e non di sussistenza”.

A verbale anche i dati rinvenienti dalla relazione del rapporteur Nicolia, secondo il quale il Psr Calabria sta reagendo bene ai cambiamenti in atto a livello europeo relativi al sistema dei fondi comunitari: a testimoniarlo, il raggiungimento dell’82,14% della spesa rispetto alla dotazione 2014-2020 (pari a 1.089.310.744 euro) e del 64,28% rispetto alla dotazione 2014-2022 (1.391.887.707), forte delle risorse aggiuntive NGEU, Next Generation, assegnate dalla Commissione Europea ai vari Psr, per far fronte alle problematiche legate alla pandemia. In particolare, le risorse NGEU, che hanno una contabilità separata, sono state già interamente impegnate rispetto all’annualità 2024 e si attestano al 10,5% rispetto al 2025.

Il Psr Calabria, inoltre, ha già ampiamente raggiunto il 100% del target N+3 rispetto al 2022, scongiurando il rischio di disimpegno automatico delle risorse comunitarie, realizzando già il 33,7% dell’obiettivo posto per il 2023. Gli impegni, inoltre, si attestano a 660.304.208 euro per quanto riguarda le misure a superficie ed il Benessere degli animali, ed a 597.287.080 euro per le misure strutturali.

Nel corso dell’incontro, sono stati affrontati tanti altri temi, tra i quali il tasso di errore nei controlli da parte dell’organismo pagatore Arcea, che ha mostrato dei miglioramenti rispetto all’ultimo incontro con i Servizi della Commissione Europea, ma per il quale bisognerà impegnarsi maggiormente. Stesso discorso vale per lo stato di attuazione dell’approccio Leader, che ha mostrato un avanzamento importante rispetto all’ultimo CdS.

Inoltre si è discusso degli strumenti finanziari, della banda larga e dei risultati ottenuti dal piano di comunicazione del Psr.

“Situazioni e numeri – ha chiosato l’assessore Gallo – che dicono tanto, tutto: qualche giorno fa, ad esempio, l’Istat ha certificato un aumento del 36% dell’export agroalimentare calabrese nel primo trimestre del 2022. In questo contesto, il secondo posto del Psr Calabria in Italia per avanzamento della spesa, alle spalle solo del Veneto, testimonia la bontà del lavoro svolto, sfata il mito delle regioni meridionali che rimandano indietro le risorse e che costituiscono in ogni contesto il fanalino di coda. Ma non basta: la Calabria ha tutte le carte in regola per diventare la prima regione italiana quanto a spesa Feasr, a patto che si continui a lavorare per qualificare sempre di più la stessa”.

Domani 22 giugno dalle 9,30 si può seguire l’assemblea plenaria del Comitato di Sorveglianza in diretta streaming

Domani mercoledì 22 giugno, dalle 9.30 in poi si svolgerà l’assemblea plenaria con i membri del partenariato. Sarà inoltre possibile seguire i lavori in diretta streaming attraverso il link https://youtube.com/channel/UCE3BgIE0ztA9PXEv6oxI-LQ.

PSR CALABRIA: OGGI E DOMANI AD ALTOMONTE IL COMITATO DI SORVEGLIANZA. PRESENTI I RAPPRESENTANTI DELLA COMMISSIONE E DEI MINISTERI INTERESSATI. MERCOLEDÌ APRIRÀ I LAVORI IL PRESIDENTE DELLA REGIONE ROBERTO OCCHIUTO

Tutto è pronto per il Comitato di sorveglianza del Psr Calabria 2014/2022. La seduta del CdS, che riunisce tutto il partenariato del Programma di sviluppo rurale, costituirà occasione per accertare l’effettiva attuazione del Psr e verificare i progressi compiuti nella realizzazione degli obiettivi di spesa dei fondi comunitari e dei progressi raggiunti, da parte dei Servizi della Commissione Europea ed i rappresentanti dei Ministeri interessati.

Oggi, martedì 21 giugno, avrà luogo la riunione tecnica, riservata ai soli addetti ai lavori. Nella cornice del Castello di Serragiumenta di Altomonte, a partire dalle ore 15, l’Assessore regionale all’Agricoltura Gianluca Gallo, il direttore generale del Dipartimento Agricoltura, Giacomo Giovinazzo, ed il Sindaco di Altomonte, Giampietro Coppola, faranno gli onori di casa con i rappresentanti di Bruxelles, Filip Busz e Leonardo Nicolia, affrontando le questioni prettamente tecniche inerenti al Psr Calabria 2014/2022.

Domani, invece, mercoledì 22 giugno, dalle 9.30 in poi e sempre nella stessa location, si svolgerà l’assemblea plenaria con i membri del partenariato. Sarà inoltre possibile seguire i lavori in diretta streaming attraverso il link https://youtube.com/channel/UCE3BgIE0ztA9PXEv6oxI-LQ.

La riunione sarà aperta dai saluti del Presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto. In particolare, tra le altre cose, si discuterà dello stato di attuazione del Programma di Sviluppo Rurale della Calabria e degli obiettivi Performance N+3, del tasso di errore, delle azioni di informazione e pubblicità e delle conclusioni della riunione annuale 2021.

Psr: liquidati da Arcea oltre quattro milioni di euro In pagamento aiuti per misure a superficie e strutturali, per 1.600 beneficiari

Continuano con regolarità i pagamenti degli aiuti legati alProgramma di sviluppo rurale della Calabria 2014/2020a sostegno degli agricoltori. Sono in corso di liquidazione, infatti, a cura dell’Agenzia regionale per le erogazioni in agricoltura, diversi decreti relativi a misure a superficie e strutturali, per un valore totale pari a 4.139.911,03 euro.

«Garantire con puntualità le immissioni di liquidità nel circuito produttivo – commenta l’Assessore regionale all’Agricoltura, Gianluca Gallo – vuol dire consentire alle aziende agricole un minimo di serenità a fronte della difficile congiuntura che non risparmia nessun settore e mettere in seria difficoltà anche il comparto agricolo».

Nel dettaglio, il decreto n.130, dell’importo di 1.314.072,17 euro e riservato a1.532 beneficiari, si riferisce alle misure 10 “Pagamenti agro-cimatici-ambientali”, 11“Agricoltura biologica”, 13 “Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici” e 14 “Benessere degli animali. Il kit decreto n.131, invece, del valore di 2.825.838,86 euro, è in favore di 103 beneficiari e riguarda le misure 1 “Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione”, 3 “Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari”, 4 “Investimenti in immobilizzazioni materiali”, 6 “sviluppo delle aziende agricole e delle imprese”, 7 “Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali”, 16 “Cooperazione” e 19 “Sostegno allo sviluppo locale Leader”. 

Due settimane addietro, invece, erano stati liquidati circa 9 milioni di euro (per l’esattezza 8.807.765,06), relativi al kit n.7 della Domanda unica.

Pubblicazione Faq Bando Misura 10 Intervento 10.01.10 "Tecniche di utilizzazione degli effluenti zootecnici per la riduzione delle emissioni di ammoniaca" Annualità 2022

Sono disponibili, nell'apposita sezione del sito, le Faq aggiornate del bando a valere sulla Misura 10 Intervento 10.01.10 "Tecniche di utilizzazione degli effluenti zootecnici per la riduzione delle emissioni di ammoniaca" Annualità 2022

Vai a Faq

PROROGA - MANIFESTAZIONE D'INTERESSE FINALIZZATA AL FINANZIAMENTO DI PROGETTI AMMISSIBILI E NON FINANZIATI, CONCLUSI O PARZIALMENTE REALIZZATI CON LOTTO FUNZIONALE _MIS 4_PACCHETTO AGGREGATO" DI CUI AL DDG N. 7515 DEL 29/06/2016 E SUCC.

Si comunica che la scadenza per rispondere alla manifestazione di interesse è stata prorogata di 10 giorni come da Decreto n. N°. 6313 DEL 13/06/2022

Gli interessati possono visionare il DECRETO n. 5879 del 27/05/2022 che approva la manifestazione di interesse in merito alla possibilità di utilizzare le risorse che eventualmente si renderanno disponibili nell’ambito della Misura 4 “Pacchetto Aggregato”, al fine di finanziare i progetti di cui alle domande di aiuto presentate in occasione del bando emanato con DDG n.7515 del 29 giugno 2016 che sono state istruite positivamente e collocate negli elenchi delle domande ammissibili ma che non sono state finanziate di cui al DDS n.15612 del 15/12/2018 e le s.m.i.

Di seguito gli allegati al decreto in formato editabile:

Allegato 1 Manifestazione di Interessa

Allegato 2 Scheda aoutovalutazione

 

La Calabria investe sulla frutta a guscio Dal Psr 11 milioni per impianti di mandorlo, castagno, noce, nocciolo e pistacchio Disponibile online la graduatoria provvisoria del bando tematico per l’annualità 2021

La Calabria investe sulla frutta a guscio. È stata pubblicata la graduatoria provvisoria delle domande di sostegno a valere sul bando relativo alla misura 4 del Psr Calabria 2014/2020per investimenti di nuovi impianti e reimpianti arborei delle specie fruttifere a guscio, incluso l’ammodernamento degli impianti irrigui.L’elenco è disponibile sul sito internet www.calabriapsr.it ed  equivale a notifica ai proponenti, i quali entro trenta giorni potranno presentare eventuale istanza di riesame, esclusivamente a mezzo pec, all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Le domande ritenute ammissibili per l’annualità 2021 risultano essere 104, per un controvalore di 11 milioni di euro«Il grande risultato che questo bando consente di perseguire – commenta l’Assessore regionale all’Agricoltura, Gianluca Gallo - consistenel potenziamento della filiera calabrese della frutta a guscio, in termini di qualità e competitività, secondo gli intendimenti programmatici della Giunta guidata dal Presidente Occhiuto: saranno finanziati nuovi impianti di mandorlo, castagno, pistacchio, noce e nocciolo nel territorio regionale, su una superficie di ben 624 ettari di terreni, promuovendo al tempo stesso l’ammodernamento e l’efficientamento dei sistemi di irrigazione». Aggiunge Gallo: «Al termine dell’istruttoria sono stati valutati come non ammissibili a finanziamento progetti relativi a 204 ettari di terreno: ad esito delle istanze di riesame, contiamo di riuscire a recuperare nuovi spazi e risorse per sostenere anche queste iniziative progettuali».

Nel dettaglio, la superficie totale proposta per investimenti a frutta a guscio complessiva è di ha 828.45.54, mentrequella ammessa a finanziamento ammonta a 623,9171 ettari, dei quali 295,5386 di mandorlo, 119,9136 di nocciolo, 99,2817 di noce, 86,4032 di castagno e 22,7800 di pistacchio. 

Si precisa essere stata predisposta un’unica graduatoria relativa agli investimenti di specie di frutta a guscio accordando, in caso di ex aequo, priorità alle donne in qualità di titolari/legali rappresentanti proponenti e, tra queste, a chi risulterà possedere la più giovane età anagrafica.

  2016 PSR Calabria 2014/2020 - Cittadella Regionale - Catanzaro