Domande di adesione alla Misura 10 “Pagamenti agro-climaticoambientali” del PSR Calabria 2014/2020 – Intervento 10.01.09 “Apicoltura per la preservazione della biodiversità”. Annualità 2018.

Data pubblicazione : 07/05/2018

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 Obiettivo1OBIETTIVO L’intervento sostiene i maggiori costi e minori guadagni derivanti dalla pratica del nomadismo verso aree caratterizzate da una varietà di specie floricole agrarie e naturali ma dal minore valore nettarifero poiché non interessate da forme di agricoltura intensiva. Lo scopo dell’operazione è quello di aumentare il numero di apiari, presenti nelle aree interessanti per la biodiversità, rispetto all’ordinarietà, con lo scopo di migliorare il servizio di impollinazione e di preservare e migliorare la ricchezza della biodiversità vegetale.

 _____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Beneficiari

BENEFICIARI  Aziende agricole che praticano l’apicoltura in Calabria, singole o associate, rientranti nella definizione di cui all’art. 28.2 del Reg.(UE) 1305/2013 e che abbiano sede legale in Calabria.

____________________________________________________________________________________________________

SpesaAmmessa1

CONDIZIONI DI AMMISSIBILITA' 

I beneficiari, al momento del rilascio della domanda di sostegno iniziale e delle successive domande annuali, devono possedere i seguenti requisiti di ammissibilità:

 

  • Essere agricoltori “in attività”, ai sensi dell’articolo 9 del Regolamento (UE) n. 1307/2013, Il requisito di agricoltore attivo deve desumersi dal fascicolo aziendale;
  • Essere  iscritti alla banca dati apistica (BDA) del Ministero della Salute al 31 dicembre 2017 per la prima annualità ed al 31 dicembre di ogni anno che precede ciascun anno di impegno;
  • Avere capacità tecnica di effettuare nomadismo, debitamente dimostrata, da un tecnico abilitato, nella relazione tecnica di cui al successivo paragrafo 3.7;
  • Presentare un piano annuale preventivo, debitamente sottoscritto da un tecnico abilitato con la documentazione specifica riportata e richiesta nel bando. Il piano annuale preventivo deve riportare, tra l’altro, anche le informazioni relative ad eventuali attività già espletate prima della presentazione della domanda di sostegno.           

                IMPEGNI

La durata degli impegni è di 5 anni a decorrere dall’anno di presentazione della domanda di sostegno.

I beneficiari si impegnano a rispettare, per l’intero periodo di concessione del premio, quali condizioni generali applicabili ai beneficiari delle misure agro-climatici-ambientali:

  • le regole di condizionalità (Criteri di Gestione Obbligatori (CGO) e Buone Condizioni Agronomiche e Ambientali (BCAA);
  • gli impegni di condizionalità - con relative disposizioni in merito alle riduzioni ed esclusioni per inadempienze dei beneficiari dei pagamenti diretti e dei programmi di sviluppo rurale;
  • i pertinenti requisiti in materia sanitaria ed in materia di licenza per l’uso dei fitofarmaci, formazione adeguata, magazzinaggio in vicinanza di corpi idrici e altri siti sensibili.

Inoltre, i beneficiari hanno l’obbligo di rispettare, per l’intero periodo di concessione del premio, i seguenti impegni specifici dell’intervento 10.1.9:

  • Praticare il nomadismo in zone di agricoltura estensiva, per come identificate nella Carta d’uso del nomadismo apicolo Misura 10.1.9; non superare gli 80 alveari per postazione, mantenendo una distanza tra gli apiari di apicoltori diversi superiore a 1 km ed il numero massimo di 17 alveari ad ettaro. Se si tratta di alveari di uno stesso apicoltore, si dovrà mantenere uguale distanza tra gli apiari che superano gli 80 alveari; il numero massimo di alveari per ettaro non potrà essere superiore a 17 in accordo con l’art 9 del Reg. CE 808/2014;
  • Utilizzare strumentazione GPS per tracciare i siti delle postazioni ed i relativi spostamenti;
  • Creare ed aggiornare costantemente un registro aziendale nel quale appaiano la tracciabilità delle operazioni apistiche effettuate dalle aziende stesse, con l’indicazione delle zone/postazione (coordinate GPS) in cui viene collocato l’apiario e la registrazione mensile delle operazioni di spostamento.
  • Utilizzare solo l’ape autoctona (Apis mellifera ligustica-ecotipo locale);
  • Non somministrare alimenti stimolanti che contengano polline nei periodi di piena attività.

_____________________________________________________________________________________________________

Risorse

DOTAZIONE FINANZIARIA  

1.200.000,00 €

 

_____________________________________________________________________________________________________

Contributo

SOSTEGNO

Il sostegno viene quantificato, in 22 €/alveare fino a 100 alveari; da 101 fino a 500 alveari il premio è di 18 €/alveare; da 501 alveari il premio è di 16 €/alveare.

Il premio massimo per anno non potrà superare i 20.000,00 € per singola azienda o raggruppamento di aziende.

 _____________________________________________________________________________________________________

Documentazione  bando

Avviso

Decreto

Disposizioni attuative

Disposizioni procedurali

Quadro N

Carta uso del nomadismo apicolo

Quadro N (editabile)

Scarica tuttodownload zip



  2016 PSR Calabria 2014/2020 - Cittadella Regionale - Catanzaro